Una vita nuova
Print Friendly, PDF & Email

Una vita nuova

Eritrea - Salute e nutrizione - Protezione del bambino - Ambiente e sviluppo

L’Eritrea si posiziona al 20° posto nel mondo per tasso di mortalità materna e al 41° posto per tasso di mortalità infantile neonatale (CIA World Factbook, 2017). Nel villaggio di Akrur, come nella maggior parte dei villaggi del paese, le donne non si sottopongono a visite prenatali o a vaccinazioni e partoriscono a casa, in un ambiente non protetto igienicamente e spesso senza personale qualificato, ma con la sola assistenza di levatrici del posto. Le complicazioni durante il travaglio e le inadeguate cure post natali sono responsabili della maggior parte delle morti di neo-mamme e dei loro bambini.

A fronte di tale drammatica situazione, le suore Figlie di Sant’Anna, presenti ad Akrur dal 1995, hanno incominciato a tenere incontri volti ad informare le donne sui rischi connessi al parto e sull’importanza di ricevere un’adeguata assistenza pre e post gravidanza. In seguito a tale formazione molte donne hanno iniziato a recarsi presso l’ambulatorio del villaggio, ma quest’ultimo, costruito circa 18 anni fa e gestito dalle stesse suore FSA, non è predisposto per accogliere ed assistere un numero elevato di partorienti: manca una sala travaglio attrezzata e locali disponibili ad ospitare le mamme con i loro neonati.

In linea con quanto disposto dal Ministero della Sanità, che ormai da alcuni anni ha imposto che le strutture sanitarie pubbliche e private siano idonee ad accogliere le partorienti prima e dopo il parto, il progetto prevede dunque la realizzazione di un reparto maternità e la sistemazione dell’ambulatorio al fine di renderlo più funzionale. Inoltre poiché nel villaggio l’elettricità pubblica può mancare anche per lunghe ore e giorni, è prevista l’installazione di un sistema fotovoltaico al fine di garantire regolarmente la luce durante il parto e le altre attività di cura.

Obiettivo del progetto
  • Ridurre i casi di mortalità infantile e materna;
  • Migliorare e monitorare lo stato di salute di neonati e bambini, riducendo i casi di malnutrizione infantile;
  • Garantire un ambiente idoneo con illuminazione costante durante il parto;
  • Assistere le neo-mamme nella presa in cura dei propri figli.
Beneficiari del progetto
  • 600 donne in gravidanza del villaggio di Akrur e di alcuni villaggi vicini che, in media, danno alla luce 100 bambini all’anno.
Cosa puoi fare tu
  • €50: puoi sostenere la formazione al personale medico locale;
  • €100: puoi contribuire all’installazione del sistema fotovoltaico;
  • €200: puoi contribuire alla costruzione del reparto di maternità.

Sostieni questo progetto!








Quanto vuoi donare?

Vuoi che la tua donazione sia periodica?

In che modo preferisci pagare?

versamento RID:

Codice IBAN
Intestatario del Conto

versamento bancario:
Banca Prossima (Gruppo Intesa SanPaolo)

IBAN: IT69U0335901600100000100565

BCC Milano
IBAN: IT18N0845333402000000050023

bollettino postale:
c/c Postale n° 29095205 intestato a Gruppo Aleimar onlus

 

Tutte le donazioni sono deducibili dalla dichiarazione dei redditi (legge 80 del 14/5/05)

Confermo il mio libero, consapevole, informato e specifico consenso al trattamento, anche con strumenti informatici e/o telematici, dei dati personali ai fini del punto c) sopra elencato (tenervi informati sulle nostre attività e proporvi nuove iniziative)
sino

Ai fini del punto d) sopra elencato (elaborazione dei dati personali, anche in modo automatizzato, al fine dell’invio mirato di proposte di nuove iniziative)
sino