Pane quotidiano
Print Friendly, PDF & Email

Pane quotidiano

Benin / Salute e nutrizione - Protezione del bambino - Istruzione e formazione

Il progetto fattoria “Il pane quotidiano” è nato dall’esigenza di promuovere attività di auto sostentamento a favore del centro di accoglienza Aleimar di Abomey e dell’annesso Centro Nutrizionale. L’agricoltura è la principale fonte economica del Benin e, soprattutto nelle regioni più povere, viene fondamentalmente destinata alla sussistenza delle famiglie dei coltivatori. Abomey è uno dei centri principali del dipartimento di Zou e l’economia della zona dipende dall’agricoltura (mais, miglio, manioca, igname, frutta), dal commercio al dettaglio dei prodotti agricoli, utensili di ogni genere e articoli per la casa o per l’artigianato.

Grazie all’importante contributo di Fondazione Mediolanum e di altri donatori, è stata ultimata la costruzione della fattoria che, attraverso le proprie attività (allevamento di galline, conigli, caprette, ortaggi e verdure) provvede al mantenimento dei 40 bambini da 0 a 3 anni, ospiti del Centro, e offre la possibilità di una dieta più sana ed equilibrata ai bambini che si rivolgono al Centro Nutrizionale in regime di day hospital. I prodotti della fattoria, inoltre, sono venduti al mercato comunale a prezzi competitivi per tutta la comunità locale. Tale scambio tra fattoria, centro di accoglienza e villaggio contribuisce una maggiore integrazione del centro nel contesto sociale in cui sorge.

Nel lavoro della fattoria sono utilizzate tecniche di coltivazione tradizionali affiancate da semplici accorgimenti moderni che migliorano la produttività ma nel pieno rispetto della sostenibilità ambientale (produzione di compost e sistema di canalizzazione dell’acqua piovana).

Obiettivo del progetto
  • Promuovere il diritto alla vita e alla salute;
  • Migliorare l’apporto nutrizionale dei bambini e ragazzi accolti nel Centro;
  • Aumentare la produzione agricola e favorire il commercio del raccolto.
Beneficiari del progetto
  • Bambini da 0-3 anni orfani, abbandonati o che vivono situazioni familiari di grave disagio sanitario e sociale;
  • Bambini malnutriti che si rivolgono al Centro Nutrizionale.