Emergenza Coronavirus in India
Print Friendly, PDF & Email

Emergenza Coronavirus in India

Ricordo ancora il mio primo viaggio con Aleimar, un’esperienza straordinarie indelebile nel mio cuore: accarezzare il viso sorridente dei bimbi delle baraccopoli di Mumbai, tenere in braccio un bimbo cieco e portarlo a comprare il giocattolo che tanto desidera per il Diwali, partecipare alla costruzione della casa di una delle nostre famiglie portando anch’io, come loro, i mattoni sulla testa, stringere la mano a ragazze e ragazzi che studiano con passione e sognano di diventare dottoresse o ingegnere come me.

Non dimenticherò mai l’energia, il sorriso e la forza di questo popolo che oggi più che mai ha bisogno del nostro aiuto perché il COVID-19 è arrivato anche qui.

Oltre a questo nemico invisibile, il popolo indiano però deve far fronte sempre di più anche ad un’altra terribile minaccia: la FAME

Purtroppo a causa dell’incredibile densità della popolazione soprattutto nelle grandi città come Mumbai, Calcutta, Delhi, Chennai e considerando la precarietà del sistema sanitario indiano, la preoccupazione per tutta la popolazione e soprattutto per i più deboli e vulnerabili è altissima: pochi potranno sfuggire al contagio e i malati non potranno curarsi. Il danno peggiore lo sta già causando il lockdown: scuole chiuse, in India, vuol dire bambini senza cibo e ancora più vulnerabili perché esposti ai pericoli della strada, negozi chiusi vuol dire migliaia di persone senza lavoro e senza la possibilità di guadagnare anche quelle poche rupie al giorno che prima gli permettevano di sopravvivere.

Come avrete visto in qualche servizio in tv o su internet, la gente è davvero disperata: c’è chi sta scappando dalle città, percorrendo a piedi centinaia di chilometri in mezzo alla strada, senza viveri e rischiando la vita, e chi spera di trovare un rifugio sicuro addirittura sugli alberi.

Dobbiamo fare qualcosa anche NOI!

Sachin ed Ethel, i nostri referenti della Lok Seva Sangam di Mumbai con i quali sono sempre in contatto, grazie alla loro rete di operatori sociali, stanno aiutando le famiglie più in difficoltà e i malati di tubercolosi distribuendo riso e cereali, olio per cucinare, lenticchie, arachidi e verdure, sapone per l’igiene personale.

Peter Paul, nostro referente della Good Samaritan Mission di Mumbai, con alcuni dei ragazzi più grandi come il nostro Rahul, portano quotidianamente riso alle famiglie più povere degli slum e merendine ai bambini e alle persone che vivono alla stazione e per strada.

Anche a sud dell’India, nel Tamil Nadu, la situazione è molto complessa con parecchi casi di Covid19 accertati e con il numero dei malati che aumenta ogni giorno. Per i volontari della MTSSO (Mother Teresa Social Service Organization) è difficile ottenere dei permessi per operare nella loro area: la polizia punisce severamente chiunque esca in strada. Di recente però John Upalt, nostro referente locale e presidente della MTSSO col quale sono quotidianamente in contatto, mi ha detto che è finalmente riuscito ad ottenere il permesso per portare personalmente cibo ad alcune delle bimbe che sosteniamo. Insieme ad altri suoi collaboratori e ad alcuni membri del governo, è poi riuscito a distribuire diverse mascherine agli abitanti di Nagercoil e sacchi di cibo a 75 famiglie dei villaggi poveri della zona.

L’emergenza che stiamo attraversando ci pone di fronte a complesse sfide inattese e stiamo cercando di affrontarle con il massimo impegno e con il giusto livello di dedizione e attenzione verso l’altro: questo spirito è lo stesso che ci guida da sempre nel nostro impegno in India, ma ora più che mai ho bisogno del vostro aiuto per proteggere i nostri bambini dal Covid-19!

AIUTACI ANCHE TU…DONA ORA!

  •  Con una donazione di 10 euro doni del cibo ad 1 bambino e alla sua famiglia per sopravvivere e combattere il Covid-19 per 1 mese
  • Con una donazione di 50 euro assicuri un kit di sopravvivenza completo di cibo e articoli per l’igiene a 3 bambini e alle loro famiglie per 1 mese
  • Con una donazione di 100 euro supporti tutti i bisogni nutrizionali e igienico-sanitari di 5 bambini e delle loro famiglie per 1 mese

L’epidemia di Covid-19 ha dimostrato come tutti noi siamo legati da uno stesso destino e di come ogni persona sia fragile nella sua dimensione umana.

I bambini sono per noi di Aleimar le prime persone da proteggere: aiutami a proteggere tutti i nostri bambini in india!

PIÙ SAREMO E PIÙ POTREMO FARE PER AIUTARLI.

Grazie di cuore

Sara Costa, responsabile Paese India 

Sostieni questo progetto!








Quanto vuoi donare?

Vuoi che la tua donazione sia periodica?

In che modo preferisci pagare?

versamento RID:

Codice IBAN
Intestatario del Conto

versamento bancario:
Banca Prossima (Gruppo Intesa SanPaolo)

IBAN: IT25 Q030 6909 6061 0000 0100 565

BCC Milano
IBAN: IT18N0845333402000000050023

bollettino postale:
c/c Postale n° 29095205 intestato a Gruppo Aleimar onlus

 

Tutte le donazioni sono deducibili dalla dichiarazione dei redditi (legge 80 del 14/5/05)

Confermo il mio libero, consapevole, informato e specifico consenso al trattamento, anche con strumenti informatici e/o telematici, dei dati personali ai fini del punto c) sopra elencato (tenervi informati sulle nostre attività e proporvi nuove iniziative)
sino

Ai fini del punto d) sopra elencato (elaborazione dei dati personali, anche in modo automatizzato, al fine dell’invio mirato di proposte di nuove iniziative)
sino