India: Costruiamo 2020, un grande successo!
Print Friendly, PDF & Email

Carissimi sostenitori,

sono felice di confermarvi che la campagna di raccolta fondi “costruiamo 2020” promossa nell’ultimo mese a favore dei nostri progetti in India è stata davvero un grande successo con quasi 2.500€ di donazioni raccolte!

 

Con questi soldi potremo sicuramente coprire tutte le spese che le imprese locali dovranno sostenere per la ristrutturazione delle case delle nostre bambine che vivono negli immensi slum di Mumbai.

 

I lavori di ricostruzione della baracca di Prachi sono iniziati da alcune settimane e il nostro referente locale Sachin ci sta già inviando tantissime foto per tenerci aggiornati e per farci sentire più vicini a loro.

Abbiamo iniziato a sostenere Prachi alla fine del 2011 quando era una gracile bimba di soli 6 anni: viveva con la sorella di 9 anni nello slum di Bainganwadi, uno dei quartieri più poveri e degradati di Mumbai. Il papà era già molto malato di Tubercolosi e non riusciva a provvedere in nessuno modo alla famiglia. La mamma faceva le pulizie guadagnando poche rupie al mese sufficienti a comprare solo un po’ di cibo.

Tutti insieme hanno vissuto per anni in una minuscola stanza di pochi metri quadri e senza luce naturale, dove ogni giorno hanno condiviso tutte quelle azioni per le quali noi, più fortunati, abbiamo a disposizione una casa intera: mangiare, lavarsi e dormire. Una sola stanza e per di più senza finestre e ricambio d’aria, senza pavimento, fatiscente e pericolante, raggiungibile solo attraverso una stretta serie di vicoli che collegano tra loro tutte le abitazioni del quartiere. L’abitazione era servita da elettricità, ma mancava l’acqua corrente come nella maggior parte delle abitazioni della zona: nei quartieri poveri l’acqua è un bene prezioso e purtroppo la mafia ne ha il controllo, vendendola a caro prezzo e costringendo così i più poveri a doverla razionare fino ai limiti del possibile, come succedeva alla famiglia di Prachi, che riusciva a malapena a comprare l’acqua per bere.

 

Purtroppo nel 2018 il padre di Prachi è morto, dopo aver passato gli ultimi tre anni con continue cure e ricoveri in ospedale che non sono mai riusciti a guarirlo da una forma di Tubercolosi ormai cronica e resistente ai farmaci.

Nonostante tutte queste grandi difficoltà, Prachi e la sorella in questi anni hanno sempre frequentato la scuola con grande entusiasmo e dedizione e sono cresciute in buona salute.

Oggi Prachi è diventata una meravigliosa ragazzina di 13 anni! Oggi non è più una la piccola ed esile bimba che abbiamo conosciuto 8 anni fa, ma una incredibile e forte giovane donna che partecipa a dei concorsi di lettura, vince premi e partecipa a delle competizioni sportive di Kabbadi, uno sport di contatto a squadre che ha avuto origine in India come allenamento bellico ricreativo e che ora è gioco nazionale in alcuni stati indiani.

Siamo veramente orgogliosi di Prachi e dei risultati che ha raggiunto e non potevamo certo tirarci indietro quando Sachin ci ha chiesto di aiutare ancora di più questa famiglia ristrutturandogli la casa e regalando a queste bambine la serenità di un luogo dove poter continuare a crescere senza più paura.

E così a metà febbraio la famiglia si è trasferita in una casa temporanea messa a disposizione dall’impresa e sono iniziati i lavori: subito la demolizione della piccola stanza originale e poi la realizzazione del pavimento, dei nuovi muri e soprattutto del nuovo soffitto ad una altezza maggiore di prima così da non doversi più piegare per passare dalla porta o per evitare le pale del ventilatore a soffitto.

È passato solo un mese e già si inizia a intravedere la nuova struttura della casa: nelle prossime settimane sicuramente i lavori procederanno e presto la casa sarà ultimata e pronta per accogliere Prachi e la sua famiglia.

La casa avrà almeno due stanze, una piano terra per la vita quotidiana e una superiore per la notte; avrà delle finestre perché possa entrare la luce del giorno e l’aria pulita; avrà un pavimento per non dover più camminare a piedi nudi sulle rocce e il cemento; avrà uno spazio per il bagno e uno diverso per la cucina e avrà elettricità e acqua a disposizione per tutto il giorno.

Sarà semplicemente e finalmente una casa!

 

Nel corso dell’anno cercheremo di far partire i lavori di ristrutturazione della baracca di almeno un’altra delle bambine che Aleimar sostiene a distanza nei nostri progetti in India. Vi terremo aggiornati!

Purtroppo a causa dell’emergenza sanitaria provocata dalla diffusione del virus Covid-19 nel mondo, dopo aver dovuto annullare il viaggio di monitoraggio in India in programma per lo scorso 29 febbraio, sono costretta a rimandarlo ulteriormente, probabilmente a fine del 2020, una volta superato anche il periodo dei monsoni.

Vi confido che da giorni ormai eravamo già là, insieme ai nostri bambini, con il cuore e con la mente, ma la paura di poter diffondere questa malattia in quei luoghi dove già la sopravvivenza è così complicata ci ha fatto decidere, seppur a malincuore, di rinunciare.

In ogni caso il nostro viaggio è solo posticipato e appena possibile partiremo per andare a trovare i nostri bambini e potervi così mandare foto e aggiornamenti.

Vi ringrazio ancora una volta per il vostro prezioso e continuo supporto e vi auguro tanta forza e serenità per superare questo difficile periodo.

Sara – Responsabile progetti in India