Compagni di banco: sostieni una classe o un insegnante
Print Friendly, PDF & Email

Compagni di banco: sostieni una classe o un insegnante

Italia - Educazione alla cittadinanza mondiale

Il progetto “Compagni di banco” nasce dal desiderio di garantire il diritto all’istruzione in Paesi dove studiare è un “lusso per pochi” e non una possibilità per tutti i bambini.

Le scuole in Benin sono molto affollate, 40 o addirittura 60/80 bambini per classe. Per gli insegnanti diventa quindi difficile seguire tutti gli studenti e per questo motivo spesso si arriva in terza o quarta elementare senza saper ancora leggere o scrivere. La mancanza di una solida formazione e di un aggiornamento continuo si traduce in un’educazione povera e inefficiente. Inoltre, la retribuzione incerta e scarsa disincentiva l’insegnamento rendendo il sistema scolastico sempre più debole. L’unica via d’uscita è la scuola privata, per lo più gestita da enti religiosi, che offre una buona struttura e programmi validi, il cui costo però è proibitivo per oltre il 90% della popolazione.

La pluriennale esperienza di Aleimar in diversi Paesi del mondo, l’analisi del bisogno del territorio locale e la consolidata attività che svolge nelle scuole italiane, ha portato all’ideazione di “Compagni di banco”, un progetto educativo rivolto alle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado.

Alle classi italiane che vogliono aderire al progetto si propone il gemellaggio con una classe di una scuola del Benin. Essa riceverà dalla scuola italiana, oltre al materiale didattico raccolto, un sostegno economico (che servirà per l’acquisto delle divise scolastiche ma soprattutto per parte della rata della mensa, molte volte l’unico pasto della giornata di molti bambini). Un quaderno interculturale sarà il veicolo di scambio di messaggi, disegni, foto e sogni che i bambini italiani e beninesi vorranno scambiarsi. Il progetto, attivo dal 2007, ha coinvolto finora circa 80 classi in 50 scuole e attualmente vede circa 15 classi italiane gemellate.

Il progetto prevede la realizzazione di attività su due fronti: nelle scuole italiane e nelle scuole beninesi.

Attività in Italia:

  • Un primo incontro di presentazione del progetto, proiezioni di un dvd, che illustra squarci di vita quotidiana a confronto, e consegna di un quaderno interculturale che “viaggia” tra la classe italiana e quella gemellata come un filo conduttore, veicolando messaggi che i bambini/ragazzi desiderano scambiarsi. Nel quaderno verranno inseriti tutti i lavori degli alunni (disegni, poesie, racconti, fotografie) che vogliono “raccontare” i diversi modi di vivere la quotidianità in ciascun Paese. L’altro simbolo del progetto è il salvadanaio. Costruito dai bambini per i bambini, rappresenta l’oggetto dove si concretizza un’azione, l’aiuto, il coinvolgimento.

La classe che decide di sostenere il progetto si impegna a raccogliere la cifra minima di 150 euro all’anno.

  • Un secondo incontro di aggiornamento e approfondimento di tematiche interculturali per far conoscere, in maniera concreta e consapevole, le realtà dove Aleimar interviene.

Attività in Benin:

  • Visite presso le scuole beninesi almeno 2 volte l’anno, per consegnare e commentare insieme il materiale preparato dalle scuole italiane (anche traducendo eventuali testi);
  • Sostegno economico alle scuole locali e, ove possibile, avvio di convenzioni con le istituzioni locali per un parziale cofinanziamento delle spese di gestione;
  • Interventi sul territorio locale che coinvolgano i le autorità locali o le associazioni di genitori per promuovere l’ampliamento delle scuole già esistenti o, se necessario, la costruzione di nuove.
Obiettivo del progetto
  • Creare le basi per una cultura della solidarietà tra i popoli e per l’educazione alla cittadinanza mondiale (ECM);
  • Creare un legame tra le giovani generazioni finalizzato ad un rapporto di conoscenza e di amicizia che avvicini i due mondi;
  • Promuovere il diritto all’istruzione;
  • Sostenere la costruzione e la gestione delle scuole estere coinvolte nel progetto;
  • Garantire uno stipendio agli insegnanti delle scuole estere, incentivando un’istruzione efficiente e qualificata, secondo gli obiettivi del millennio (SDGs goal 4);
  • Formare e aggiornare insegnanti locali per una migliore presa in carico degli studenti.
Beneficiari del progetto

I beneficiari sono circa 200 bambini orfani o provenienti da famiglie povere e bisognose e i loro insegnanti.

Sostieni questo progetto!








Quanto vuoi donare?

Vuoi che la tua donazione sia periodica?

In che modo preferisci pagare?

versamento RID:

Codice IBAN
Intestatario del Conto

versamento bancario:
Banca Prossima (Gruppo Intesa SanPaolo)

IBAN: IT69U0335901600100000100565

BCC Milano
IBAN: IT18N0845333402000000050023

bollettino postale:
c/c Postale n° 29095205 intestato a Gruppo Aleimar onlus

 

Inviando questo modulo automaticamente do consenso al trattamento dei dati:
Informativa ai sensi del D. Lgs 196⁄2003

Tutte le donazioni sono deducibili dalla dichiarazione dei redditi (legge 80 del 14/5/05)