Congo: aggiornamento progetti 2° semestre 2017
Print Friendly, PDF & Email

Progetto “Casa Laura”  

La situazione politica del Congo è sempre molto difficile. A causa infatti delle tensioni tra il dittatore e i gruppi di opposizione, spesso si verificano gravi sparatorie e sommosse popolari.
Per quanto riguarda invece la vita nei centri, Suor Clarisse (responsabile del Centro Casa Laura) è stata sostituita da Suor Albertine, che era già la vicaria. A fine anno scolastico molte delle ragazze di Casa Laura sono state promosse superando bene gli esami arrivando ad essere addirittura tra le migliori della classe. Per due ragazze, Gloria e Dorcas, il percorso con Aleimar è giunto al termine perché hanno terminato con successo il percorso di studi e conseguito il diploma. Le ragazze proseguiranno gli studi all’università e in caso di necessità Aleimar continuerà a seguirle tramite una borsa studio, ma dovranno dimostrare di continuare ad essere studentesse meritevoli come lo sono state finora.


A Casa Laura è stata ingrandita e ristrutturata la stalla dei maiali; ora si potranno allevare molti più animali che andranno a soddisfare le necessità interne del Centro oltre a fornire un beneficio economico grazie alla loro vendita.
E’ stato stipulato un accordo con Suor M.Dominique, per la coltura dei girasoli da olio in alternativa alla palma.  In base all’accordo stipulato forniremo dall’Italia semente di girasoli per 4 Ha, in cambio di pari superficie di terreno da seminare a mais. In questo modo si potrà ottenere la farina necessaria per le ospiti di Casa Laura.

 

 

 

 

 

 

 

 

Progetto “Un futuro per Sambwa”

Non è ancora stato installato l’impianto fotovoltaico al villaggio di Sambwa perché non è terminata la costruzione dell’internato. Il ritardo è stato causato dalla difficile situazione politico/sociale attuale e dalle abbondanti piogge. I lavori sono comunque proseguiti terminando la costruzione del muro di cinta indispensabile per la sicurezza di chi abiterà l’edificio. Siamo inoltre riusciti a consegnare al Centro gestito dalle Suore Agostiniane, una decina di letti ospedalieri e una moto-zappatrice da utilizzare per la coltivazione degli ortaggi.