Benin: aggiornamento progetti 1° semestre 2017

A SCUOLA E IN FAMIGLIA

Date le pessime condizioni in cui si trovava la scuola materna, abbiamo avviato alcuni lavori di ristrutturazione.

In questi ultimi mesi siamo riusciti:

– a terminare la recinzione

– ad iniziare i lavori per aumentare la profondità del pozzo

– a migliorare i servizi igienici, operazione necessaria a tutela della salute dei bambini e a prevenzione dell’insorgere di malattie

Inoltre, appena i fondi lo consentiranno, vorremmo costruire una sala mensa, continuare con la ristrutturazione dei bagni fornendoli di docce e migliorare le aule e il cortile, magari dotandolo di giochi adatti.

Per contribuire all’iniziativa compila il form DONA ORA scrivendo come causale “progetto Benin – A scuola e in famiglia.

COLTIVA CULTURESALUTE ALLA VITA

La scuola elementare ospita circa 80 bambini a cui viene offerto il servizio mensa e il materiale scolastico.

Il centro medico “Stefania Ollari”, già operativo, è stato inaugurato ufficialmente nell’ aprile 2016. Il centro è molto frequentato dagli abitanti del villaggio di Kpossegan (soprattutto dai bambini che frequentano la scuola) e da quelli limitrofi. Nei primi sei mesi dell’anno, 444 persone hanno usufruito dei servizi del centro: hanno ricevuto consulenze, trattamenti, medicine, zanzariere per la protezione dei bambini.

L’ambulatorio è aperto 24h su 24h e sono presenti due infermiere, Rabiatou e Sabine. Il medico, Romain, presta invece la sua opera nel centro per 5 giorni al mese.

Il centro è gestito in collaborazione con l’associazione L’Abbraccio e nel caso i pazienti necessitino di cure più specifiche, gli operatori sono in grado di indirizzarli all’ospedale vicino (che dista circa una ventina di chilometri) per emergenze o  per cure neonatali.

Sono inoltre attivi in tutta la zona:

  • corsi di formazione e campagne di sensibilizzazione per incentivare la popolazione ad usufruire dei servizi del centro;
  • consultazioni, follow-up e consigli per donne in gravidanza per la preparazione pre e post-parto.

Il progetto “Dentista senza frontiere” ha coinvolto, anche quest’anno, tantissimi studenti che frequentano la scuola di Kpossegan e dei villaggi vicini: sono stati visitati e curati più di 130 bambini grazie al lavoro svolto gratuitamente dal Dott. Ezio Cavazzini.

 

PANE QUOTIDIANO

Il Centro Nutrizionale ad Abomey-Agnagnan sta funzionando molto bene: sono molti i neonati che ricevono cure adeguate e che usufruiscono del latte in polvere del progetto “Mi allatti tu”. I bimbi ospitati nel centro sono tutti, quando è possibile, accompagnati da un parente, questo per garantire che nessuno di loro rimanga al Centro Nutrizionale da solo o venga lasciato al Centro di Accoglienza dopo la guarigione. Solo nei casi di minori abbandonati o orfani di madre dalla nascita, i bimbi ristabiliti sono spostati nell’edificio dell’asilo nido.

Parallelamente al lavoro dei medici si svolge quello dell’assistente sociale Christian, che cerca di rintracciare i famigliari e chiede loro se sono favorevoli a riprendere in famiglia il bambino; qualche volta con successo, molte altre purtroppo no. In questo caso il bambino sarà sostenuto e accompagnato negli studi.

Un anno fa inauguravamo anche la fattoria e oggi possiamo essere soddisfatti e orgogliosi del risultato raggiunto; servirà ancora del tempo perché raggiunga la massima produttività, ma siamo sulla buona strada. Il vostro sostegno, unito al nostro impegno e alla buona volontà di Sr.Alexandrine hanno permesso di ottenere i primi buoni risultati in breve tempo.

Fattoria Pane Quotidiana

     

 

 

 

 

 

Consegna latte in polvere presso il Centro di Natitingou, Perma e Abomey

 

CITTA’ DELLA GIOIA

A partire dal mese di Gennaio sono stati svolti alcuni interventi per migliorare la qualità di vita dei bambini ospiti del Centro di accoglienza. Sono stati sostituiti i materassi e i coprimaterassi, le zanzariere (importanti per la prevenzione della malaria) e svolti lavori di imbiancatura delle pareti del dormitorio e il refettorio.