India: aggiornamento progetti 1° semestre 2017

Progetto UNA MANO PER TUTTI

Il progetto “I fili della speranza” relativo ai corsi di informatica e di taglio e cucito aperto a giovani donne del Tamil Nadu, prosegue con grande successo. Circa 20 donne sono iscritte al corso di taglio e cucito, e altre 35 a quello di informatica (suddiviso in 4 classi di diverso livello). Le principianti iniziano con il corso base di 3 mesi per poi proseguire con quello avanzato di 6-9 mesi circa.

Il corso di taglio e cucito è invece suddiviso in due momenti, mattino e pomeriggio, e offre loro la possibilità di imparare il mestiere e, in alcuni casi, avviare una piccola attività generatrice di reddito. Per molte di queste donne, spesso emarginate ed escluse dalla società e dal mondo del lavoro, è un passo importante che permette loro di riscattarsi e contribuire al mantenimento della propria famiglia.
Le partecipanti ad entrambi i corsi provengono da Nagercoil o da villaggi vicini, una di loro abita addirittura a più di 30Km di distanza e impiega circa un’ora con il pullman per poter frequentare le lezioni. Periodicamente l’associazione Mother Theresa Social Service Organization (MTSSO) acquista i materiali necessari per il corso di sartoria; la macchina da cucire del valore di 7,000Rs (circa 90 euro) viene donata a fine corso solo alle donne più povere attraverso la modalità del microcredito: la donna restituisce, nel tempo, il valore della macchina da cucire con i guadagni ottenuti dal suo lavoro.

Alle donne che frequentano i corsi di informatica, invece, non viene donato alcun computer al termine del corso, ma, grazie all’attestato ufficiale che ricevono una volta terminato il percorso formativo, hanno una maggiore possibilità di trovare lavoro.

 

 

 

 

 

 

 

Il Dispensario medico e il servizio di doposcuola attivi nel villaggio di Vadiveeswaram funzionano con regolarità. Un infermiera presente nel Dispensario tutti i pomeriggi fino alle 17.30, garantisce a circa 15/20 persone al giorno un servizio di prima assistenza e distribuzione di integratori, vitamine e alcuni medicinali. Circa 2 volte alla settimana sono presenti anche due medici volontari che offrono assistenza medica gratuita ai malati, soprattutto bambini e anziani affetti da varie tipologie, dalle più comuni come la febbre a quelle più serie come il diabete.

Il doposcuola, attivo tutti i giorni, offre la possibilità ai bambini del villaggio di poter ripassare le lezioni e svolgere i compiti con l’assistenza di un insegnante. Ogni giorno una quindicina di bambini e due maestre si ritrovano dalle 18 alle 20 nel locale che fino alle 17.30 è adibito a Dispensario medico. Il locale è di proprietà di un abitante del posto ed è stato concesso in comodato d’uso all’associazione MTSSO per realizzare progetti a favore della comunità. I bambini vengono divisi in due gruppi in base all’età, i più piccini in una stanza e i più grandicelli in un’altra. Le insegnanti li stimolano inoltre, attraverso l’insegnamento di canti e poesie per migliorare il Tamil (la loro lingua madre) ed imparare anche l’inglese.                                                                                                                                    In collaborazione con la MTSSO sosteniamo con il SAD 7 bambine e un maschietto di 3 anni: il nostro referente John Upalt ci ha confermato che stanno tutti bene e proseguono gli studi con grande impegno. L’anno scorso grazie al vostro aiuto abbiamo aiutato Preethi e la sua famiglia nella costruzione della loro nuova casa : i lavori sono quasi finiti e a fine novembre durante il nostro viaggio di monitoraggio potremo festeggiare con loro!

 

 

 

 

 

 

 

Progetto OLTRE GLI OSTACOLI

Lok Seva Sangam (LSS), l’associazione di Mumbai con cui collaboriamo da diversi anni, si occupa di arginare e combattere malattie endemiche, anche mortali, che proliferano negli slum/baraccopoli: luoghi insalubri dove vivono ammassati milioni di persone. Si calcola che circa 9 milioni di persone vivano in questa realtà fatta di abitazioni, stanze di pochi metri quadrati dove c’è solo l’essenziale per sopravvivere: un angolo con fornelli per cucinare e stuoie sul pavimento per riposare, niente acqua corrente e spesso senza bagno.

In queste immense baraccopoli grazie al supporto della LSS seguiamo più di 20 tra bambini e ragazzi: con il vostro generoso sostegno, riusciamo a garantire loro l’istruzione e permettiamo alle loro famiglie di vivere con maggiore dignità.

LSS dispone di una clinica mobile, una sorta di furgone, che tutti i giorni lavora in un’area diversa di Mumbai: grazie a questo servizio vengono effettuate visite specializzate per le malattie della pelle e vengono distribuiti farmaci, il tutto allo scopo di individuare e bloccare tempestivamente eventuali nuovi casi di lebbra, malattia purtroppo ancora presente. L’associazione dispone anche di ambulatori per lo screening e la cura della TBC, una malattia infettiva molto diffusa che in molti casi è addirittura diventata resistente ai farmaci, generando un alto tasso di mortalità soprattutto tra persone malnutrite. Lok Seva Sangam (LSS) con cui collaboriamo ormai da diverso tempo, guidata da 3 medici e 60 operatori sanitari, dal 2003 ha già curato più di 10.000 persone affette da TBC tra cui moltissimi bambini, come la piccola Kaifa che sosteniamo a distanza. Il loro obiettivo non è solo quello di combattere la malattia, ma anche di riuscire a completare tutto il lungo trattamento con successo, impedendo così la diffusione ad altri. LSS supporta i pazienti anche con un’alimentazione supplementare, fondamentale per resistere agli effetti collaterali delle cure mediche e per integrare il fisico già molto fragile e reso ancora più debole dalla malattia e dalla profilassi. Una confezione di latte o di proteine in polvere è ideale per loro perché è semplice da somministrare, ma i costi di questi integratori sono molto elevati: in molti casi né le famiglie né la stessa LSS riescono a permetterseli, soprattutto per tutti i 6 mesi di cura. Per questo motivo Aleimar ha deciso di sostenere questa causa. A novembre Sara, il capo progetto, e Mariella, una volontaria, si recheranno in India e acquisteranno gli integratori per la cura della TBC: sostienici anche tu!

(per approfondire su come contribuire all’iniziativa scrivi a progetti@aleimar.it oppure compila il form DONA ORA che trovi sul sito www.aleimar.it scrivendo come causale “progetto India TBC 2017).

Progetto CASA DELLA GIOIA

I 24 tra ragazze e ragazzi, che vivono nel centro di accoglienza GSM di Mumbai e che seguiamo attraverso il sostegno a distanza, stanno tutti bene.

Il 15 Aprile si è concluso l’anno scolastico in India e tutti i nostri bambini e ragazzi si sono fermati per le vacanze estive che dureranno fino al 15 giugno. Coloro che hanno ancora un legame familiare, genitori o parenti, hanno fatto rientro a casa, mentre gli orfani hanno  trascorso le vacanze alla GSM.

I nostri referenti nonché responsabili del centro, Peter Paul e Sangeeta, ci hanno inoltre informato che tutti i ragazzi proseguono gli studi con impegno e profitto. Una delle regole fondamentali per rimanere in GSM, infatti, è quella di studiare ed essere promossi: solo attraverso un istruzione adeguata questi ragazzi, orfani o provenienti da famiglie poverissime che vivono per strada, possono aspirare ad un futuro migliore.